Cosa devi assolutamente considerare nella scelta di un Totem Multimediale

Veicolare informazioni di ogni tipo e in ogni luogo è ormai una caratteristica intrinseca al nostro modello di società moderna.

Il mezzo attraverso cui questi contenuti vengono trasmessi è in continua evoluzione. Se le prime modalità di advertising utilizzavano cartelloni giganti o comunque informazioni essenzialmente di formato cartaceo, adesso si sta facendo sempre più strada il Digital Signage.

Che cos’è il Digital Signage

Il Digital Signage comprende una vasta gamma di mezzi tecnologici, solitamente composti da grandi schermi digitali, che trasmettono contenuti di vario tipo, creati e personalizzati dal gestore del dispositivo stesso.

Se in un primo momento gli schermi installati non erano altro che la trasposizione digitale degli statici messaggi pubblicitari cartacei, la tecnologia si è evoluta sempre di più fino alla trasmissione di informazioni dinamiche in vari formati (video, audio, foto).

Ma ciò che distingue questa forma di comunicazione da tutte le altre precedentemente utilizzate è l’interattività. I dispositivi di oggi sono ideati per indurre l’utente all’azione, per catturare la sua attenzione attraverso una sorta di “dialogo”.

Come scegliere in base alla tipologia di utilizzo

Per creare una campagna efficace di Digital Signage è necessario valutare attentamente a quale tipologia di utilizzo si vuole destinare il proprio dispositivo. La scelta è ampia ma spesso determinante, dato che si tratta di un mondo in continua evoluzione.

Lo dimostra il crescente utilizzo di schermi flessibili, che permettono installazioni di design con effetti visivi straordinari. Questi display possono essere posizionati in luoghi di grande visibilità, senza risentire delle curvature delle superfici ma trasformandole in un punto di forza, il che conferisce loro un impatto estetico sorprendente.

In ogni caso è possibile distinguere gli strumenti di Digital Signage in merito alla tipologia di utilizzo e di contenuti.

⭕️ Informazioni utili e di servizio, ad esempio i display presenti in una stazione ferroviaria che mostrano gli orari dei treni o quelli installati dalle Amministrazioni per veicolare comunicazioni utili per la cittadinanza, ma anche i video o i tutorial semplificati che forniscono a chi ne ha bisogno le modalità attraverso cui svolgere una determinata operazione. Solitamente non consentono un feedback da parte dell’utente, che però può essere avvisato in tempo reale di qualsiasi variazione o cambiamento.

⭕️ Contenuti pubblicitari, vale a dire il classico advertising che mira alla diffusione di un marchio, che però raggiunge livelli più efficaci attraverso la personalizzazione totale del messaggio, la sua dinamicità (possono alternarsi schermate diverse) e la possibilità di diffondere contenuti di vario formato (video, audio e immagini) per attirare maggiormente l’attenzione del cliente. Dati recenti dicono che più del 60% delle persone operano la scelta di acquisto all’interno di un negozio. Quindi con una strategia di Digital Signage efficace è possibile accrescere di molto i volumi di vendita.

⭕️ Contenuti interattivi, che permettono al dispositivo di “dialogare” con il cliente. Questi prodotti risultano essere già di per sé un’attrazione per le persone, ma lo diventano ancora di più per quello che consentono di fare: verificare la disponibilità in magazzino, prenotare capi di abbigliamento, stampare ricevute, documenti o biglietti… La vasta gamma di operazioni possibili attraverso questi dispositivi nel corso degli anni sarà sempre più variegata, arrivando a essere presenti praticamente in ogni aspetto della nostra vita.

Come scegliere il dispositivo adatto alle proprie esigenze

E infine ecco tre consigli per un utilizzo efficiente degli strumenti di Digital Signage e per scegliere quello più adatto.

➡️ COMPONENTI. È importante tenere ben presente tutti gli elementi che compongono una soluzione di Digital Signage, per poterli gestire nel futuro ed essere al tempo stesso consapevoli del proprio investimento, spesso abbastanza corposo. Possono essere l’hardware, il software, il design, nella pratica ciò che può fare, in modo da adattarlo alle proprie reali esigenze.

➡️ OBIETTIVI E STRATEGIE. Occorre sapere bene dove si vuole arrivare e come. Utilizzare un dispositivo rispetto a un altro può garantire una marcia in più ma allo stesso tempo può essere controproducente, ad esempio in alcuni luoghi l’interattività con l’utente può attrarre, in altri respingere. I contenuti devono essere scelti e veicolati in maniera molto precisa, per intercettare in maniera specifica il tipo di audience a cui si vuole arrivare ma anche per non risultare noiosi, ripetitivi o troppo invasivi.

➡️ PERSONALIZZAZIONE. In un mondo in cui le tecnologie diventano praticamente obsolete in poco tempo, è essenziale operare scelte che guardino al futuro. Occorre scegliere tecnologie che permettano una lunga durata al dispositivo e le cui componenti possano essere facilmente sostituite o aggiornate nel corso degli anni. Inoltre è da preferirsi uno strumento con un alto grado di personalizzazione, con la possibilità quindi di avere un prodotto che risponda precisamente alle esigenze di chi lo acquista.

Intercomp S.p.A.

Il nostro successo fonda le proprie radici nelle competenze tecniche maturate negli anni, che ci permettono di offrire soluzioni Hardware all'avanguardia sia standard che customizzate su specifica richiesta e in completa sinergia con il cliente.

Resta Aggiornato

Iscriviti al nostro sito per poter accedere a contenuti speciali, come promozioni e informazioni sul lancio dei nuovi prodotti

Ti sei iscritto con successo, Grazie!